Conseguenze dell’inammissibilità del ricorso per cassazione dovuta alla manifesta infondatezza dei motivi

Con sentenza depositata il 18 agosto 2015, la Terza Sezione Penale della Corte di cassazione, in tema di “particolare tenuità del fatto”, ha affermato che l’inammissibilità del ricorso per cassazione dovuta alla manifesta infondatezza dei motivi non consente il formarsi di un valido rapporto di impugnazione e preclude, pertanto, la possibilità di rilevare e dichiarare l’esclusione della punibilità, prevista dall’art. 131-bis cod. pen., per quanto ius superveniens più favorevole al ricorrente.

Cass. penale sentenza n. 34932 ud. 24/06/2015 – deposito del 18/08/2015

copertina

iTunes

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...