In tema di esigenze cautelari il pericolo “concreto” di reiterazione di condotte criminose deve essere anche “attuale”

In tema di esigenze cautelari, la Terza Sezione della Corte di cassazione ha affermato – a seguito delle modifiche introdotte dalla legge n. 47 del 2015 all’art. 274,lett. c), cod. proc. pen. – che, per poter affermare che un pericolo “concreto” di reiterazione di condotte criminose sia anche “attuale”, non è più sufficiente ritenere – con certezza o alta probabilità – che l’imputato torni a delinquere ove se ne presenti l’occasione, ma è anche necessario, anzitutto, prevedere (negli stessi termini di certezza o alta probabilità) che un’occasione per compiere nuovi delitti si presenti effettivamente.

Cass. Penale sentenza n. 37087 ud. 19/05/2015 – deposito del 15/09/2015

promo

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...