Termini di durata delle misure interdittive rimessa alla valutazione discrezionale del giudice

La quinta sezione penale, pronunciandosi in tema di termini di durata delle misure interdittive, ha affermato che la determinazione di tale durata – non superiore nel massimo a dodici mesi, ex art. 308 cod. proc. pen., come novellato dall’art. 10 della legge 16 aprile 2015, n 47 – è rimessa alla valutazione discrezionale del giudice, sul quale grava l’obbligo di motivare in ordine alle ragioni poste a fondamento della durata della cautela applicata nonché all’adeguatezza di essa in relazione alle esigenze cautelari da salvaguardare.

Cassazione Penale sentenza n. 1325 ud. 18/11/2015 – deposito del 14/01/2016

promo

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...