Svolgimento di operazioni extra soglia in denaro contante

A seguito dell’entrata in vigore del d.l. n. 143 del 1991 (qui applicabile “ratione temporis”), non è sufficiente, per lo svolgimento di operazioni extra soglia in denaro contante, che gli intermediari preesistenti ad esso ed esercenti le attività di cui all’art. 6, commi 2 e 2-bis, del citato decreto, effettuino all’U.I.C. la comunicazione ai sensi del successivo art. 6, comma 4-bis, occorrendo all’uopo, invece, uno specifico decreto ministeriale abilitativo, ex art. 4, comma 2.

Cass. Penale Sentenza n. 192 del 09/01/2017

promo

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...