Informazioni su Dodici Tavole

Giurisprudenza civile e penale per tutti!

Contestazione tardiva e licenziamento disciplinare

La dichiarazione giudiziale di risoluzione del licenziamento disciplinare conseguente ad un ritardo notevole ed ingiustificato della contestazione disciplinare, ricadente ratione temporis nella disciplina dell’art. 18 st.lav., come modificato dall’art. 1, comma 42, della l. n. 92 del 2012, comporta l’applicazione della sanzione dell’indennità come prevista dal quinto comma dello stesso art. 18 st.lav.

Cass. Civ.. SS.UU. sentenza n. 30985 del 27/12/2017

Annunci

Misure di prevenzione personali, associazione di tipo mafioso e necessaria “attualità” della pericolosità del proposto

In tema di misure di prevenzione, le Sezioni uniti penali della Corte di cassazione hanno affermato il seguente principio di diritto: “Nel procedimento applicativo delle misure di prevenzione personali agli indiziati di “appartenere” ad un’associazione di tipo mafioso, è necessario accertare il requisito della “attualità” della pericolosità del proposto”.

Cass. Penale sentenza n. 111 ud. 30/11/2017 – deposito del 04/01/2018

Conseguenze notificazione della citazione a giudizio mediante consegna al difensore di fiducia

Le Sezioni Unite Penali della Corte di cassazione hanno affermato che la notificazione della citazione a giudizio mediante consegna al difensore di fiducia anziché presso il domicilio dichiarato o eletto, determina una nullità a regime intermedio, che non è sanata dalla mancata allegazione da parte del difensore di circostanze impeditive della conoscenza dell’atto da parte dell’imputato.

Cass. Pen. SS.UU. sentenza n. 58120 ud. 22/06/2017 – deposito del 29/12/2017 

Il tentativo del delitto di istigazione al suicidio

La Quinta Sezione della Corte di cassazione ha affermato che non è configurabile il tentativo del delitto di istigazione al suicidio nel caso di invio di messaggi telefonici ad un minore nell’ambito del gioco noto come “Blue Whale Challenge”, pur se contenenti l’invito a compiere atti potenzialmente pregiudizievoli.

Cass. Penale sentenza n. 57503 ud. 23/11/2017 – deposito del 22/12/2017

Nullità di contratti o negozi che costituiscano l’applicazione di intese illecite

In tema di intese anticoncorrenziali vietate dall’art. 2 della l. n. 287 del 1990, la stipulazione “a valle” di contratti o negozi che costituiscano l’applicazione di intese illecite concluse “a monte” comprende anche i contratti stipulati anteriormente all’accertamento dell’intesa da parte dell’Autorità indipendente preposta alla regolazione o al controllo del mercato, a condizione che l’intesa sia stata posta in essere materialmente prima del negozio denunciato come nullo, considerato anche che rientrano sotto la disciplina anticoncorrenziale tutte le vicende successive del rapporto che costituiscano la realizzazione di profili distorsivi della concorrenza.

Cass. Civile ordinanza n. 29810 del 12/12/2017

 

 

La ricezione dell’atto tramite posta elettronica certificata da parte del difensore fiduciario

In tema di notificazioni ai sensi dell’art. 157, comma 8-bis, cod. proc. pen., la Terza Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che la ricezione dell’atto tramite posta elettronica certificata da parte del difensore fiduciario che, in precedenza, abbia dichiarato di non voler accettare le notificazioni per conto dell’assistito, non può valere quale tacita revoca della precedente dichiarazione e conseguente valida accettazione dell’atto, poiché la ricezione tramite p.e.c., in quanto automatica, non è espressione di una volontà contraria rispetto a quella in precedenza manifestata.

Cass. Penale sentenza n. 57105 ud. 12/04/2017 – deposito del 21/12/2017 

Nullità clausola del contratto di locazione non abitativa che preveda traslazione ICI o IMU ad altro soggetto

Costituisce questione di massima di particolare importanza, con conseguente rimessione degli atti al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sez. U, se la clausola del contratto di locazione non abitativa che preveda, al di fuori del sinallagma contrattuale, la traslazione cd. “palese” di un’imposta patrimoniale – ICI o IMU – gravante sul locatore ad un soggetto, quale il conduttore, normativamente escluso dagli obblighi nei confronti dell’erario, sia affetta da nullità, ai sensi dell’art. 1418, comma 1, c.c., per contrasto con l’art. 53 Cost., quale norma precettiva di carattere imperativo.

Cass. Civile ordinanza interlocutoria n. 28437 del 28/11/2017 

Profitto sequestrabile con sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente

La Sesta Sezione ha affermato che in sede di impugnazione cautelare avverso il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, il tribunale, ai fini della definizione dell’ammontare del profitto sequestrabile, è obbligato a valutare il contenuto della consulenza tecnica di parte eventualmente presentata, evidenziando quali dati tecnici ed elementi di fatto siano direttamente utilizzabili.

Cass. Penale sentenza n. 53834 ud. 26/10/2017 – deposito del 29/11/2017