Quiz esame avvocato per dispositivi Apple

Presto su dispositivi Apple a questo link

Quiz esame avvocato

Ogni risposta ottiene un punteggio in base alla difficoltà e c’è anche una classifica online con i risultati. Son curioso di vedere chi farà più punti?

Lo trovi gratis in Google Play, vedi scheda

Annunci

Pubblico ufficiale che acceda al Registro informatizzato delle notizie di reato per ragioni ontologicamente estranee

Con sentenza depositata in data 8 settembre 2017, le Sezioni unite penali della Corte di cassazione hanno affermato che integra il delitto previsto dall’art. 615-ter, secondo comma, n. 1, cod. pen. la condotta del pubblico ufficiale o dell’incaricato di un pubblico servizio che, pur essendo abilitato e pur non violando le prescrizioni formali impartite dal titolare di un sistema informatico o telematico protetto per delimitarne l’accesso (nella specie, il Registro informatizzato delle notizie di reato, c.d. Re.Ge.), acceda o si mantenga nel sistema per ragioni ontologicamente estranee e comunque diverse rispetto a quelle per le quali, soltanto, la facoltà di accesso gli è attribuita.

Cass. Penale sentenza n. 41210 ud. 18/05/2017 – deposito del 08/09/2017

Quiz esame avvocato – App android gratis #esameavvocato

app

NOVITÀ

Verifica subito la tua preparazione per l’esame orale di avvocato,
riceverai un rapporto dettagliato per email
Introdotti miglioramenti per l’esecuzione del quiz
E’ disponibile la classifica online in tempo reale:
prova a battere il record!
…Ricordati di condividere con gli amici/colleghi la tua esperienza!

Installa da Google Play 

Pagina Facebook

 

 

Misure di prevenzione patrimoniali e udienza di verifica dei crediti

In tema di misure di prevenzione patrimoniali, la Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che la partecipazione dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati all’udienza di verifica dei crediti, ai sensi dell’art. 59, comma 2, D. Lgs. n. 159 del 2001, è facoltativa e non obbligatoria, onde la mancata instaurazione del contraddittorio nei suoi confronti non costituisce causa di nullità della decisione, qualora la domanda di ammissione del credito da parte del terzo sia stata presentata prima che il provvedimento di confisca di prevenzione sia divenuto irrevocabile.

Cass. penale sentenza n. 39258 ud. 15/06/2017 – deposito del 18/08/2017

Continua a leggere

Indici di fraudolenza, l’accertamento dell’elemento oggettivo della bancarotta fraudolenta per distrazione

In tema di bancarotta fraudolenta per distrazione, l’accertamento dell’elemento oggettivo del reato di pericolo concreto e del dolo generico deve valorizzare la ricerca di “indici di fraudolenza”, necessari a dar corpo alla prognosi postuma di concreta messa in pericolo dell’integrità del patrimonio dell’impresa, funzionale ad assicurare la garanzia dei creditori, e alla relativa proiezione soggettiva.

Cass. Penale sentenza n. 38396 ud. 23/06/2017 – deposito del 01/08/2017

Continua a leggere

Potere del giudice di dichiarare l’estinzione del reato riqualificato come contravvenzione per maturata prescrizione

La Terza Sezione ha affermato che rientra tra i poteri del giudice dell’esecuzione, adito per la rideterminazione della pena a seguito della dichiarazione di incostituzionalità dell’art. 181, comma 1-bis, D.Lgs. n. 42 del 2004, dichiarare l’estinzione per prescrizione del reato oggetto della sentenza definitiva di condanna, riqualificato come contravvenzione ai sensi del comma 1 della norma citata, qualora la prescrizione sia maturata in pendenza del procedimento di cognizione, e fatti salvi i rapporti ormai esauriti.

Cass. Penale sentenza n. 38691 ud. 11/07/2017 – deposito del 03/08/2017 

Continua a leggere

Responsabilità del venditore per gravi difetti immobile

Il venditore che, sotto la propria direzione e controllo, abbia fatto eseguire sull’immobile successivamente alienato opere di ristrutturazione edilizia o interventi manutentivi o modificativi di lunga durata, che rovinino o presentino gravi difetti, ne risponde nei confronti dell’acquirente ai sensi dell’art. 1669 c.c..

Cass. Civile sentenza n. 18891 del 28/07/2017

Requisiti furto con destrezza

Le Sezioni Unite Penali della Corte di cassazione, risolvendo il relativo contrasto, hanno affermato che, in relazione al delitto di furto, ai fini della configurabilità della circostanza aggravante della destrezza, di cui all’art. 625, comma primo, n. 4), cod. pen., è necessario che l’agente abbia posto in essere – prima o durante l’impossessamento del bene mobile altrui – una condotta caratterizzata da particolari abilità, astuzia o avvedutezza ed idonea a sorprendere, attenuare o eludere la sorveglianza del detentore sulla “res”, non essendo invece sufficiente che egli si limiti ad approfittare di situazioni, cui non abbia dato causa, di disattenzione o momentaneo allontanamento del detentore medesimo.

Cass. Penale SS.UU. sentenza n. 34090 ud. 27/04/2017 – deposito del 12/07/2017

Controversie aventi ad oggetto la validità del testamento per incapacità naturale del “de cuius”

Le controversie aventi ad oggetto la validità del testamento per incapacità naturale del “de cuius” non rientrano tra quelle concernenti lo stato o la capacità delle persone, con conseguente facoltatività dell’intervento, in esse, del Pubblico Ministero ed insussistenza di un obbligo di integrazione del contraddittorio nei suoi confronti in grado di appello.

Cass. Civile ordinanza n. 17024 del 10/07/2017 

Per la revoca amministratore condominio non è richiesto il patrocinio di un difensore legalmente esercente

Nel giudizio di revoca dell’amministratore di condominio non è richiesto il patrocinio di un difensore legalmente esercente, trattandosi di un procedimento camerale plurilaterale tipico, che culmina in un provvedimento privo di efficacia decisoria, siccome non incidente su situazioni sostanziali di diritti o “status”.

Cass. Civile ordinanza n. 15706 del 23/06/2017

Continua a leggere