Protetto: Amministrativo

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Annunci

Articoli Recenti

Fecondazione omologa post mortem

La Prima Sezione civile ha affermato che, in caso di nascita mediante tecniche di procreazione medicalmente assistita, l’art. 8 della legge n. 40 del 2004 sullo status del nato con PMA si applica – a prescindere dalla presunzione ex art. 234 c.c. – anche all’ipotesi di fecondazione omologa post mortem avvenuta utilizzando il seme crioconservato del padre, deceduto prima della formazione dell’embrione, che in vita abbia prestato, congiuntamente alla moglie o alla convivente, il consenso, non successivamente revocato, all’accesso a tali tecniche ed autorizzato la moglie o la convivente al detto utilizzo dopo la propria morte.

Cass. Civile sentenza n. 13000 del 15/05/2019

Cravatta

 

  1. Attenuanti generiche e riconoscimento implicito della recidiva Rispondi
  2. Millantato credito e traffico di influenze Rispondi
  3. Vietati i colloqui audiovisivi in videoconferenza con altro detenuto Rispondi
  4. Omesso versamento somme: il sostituito non è tenuto in solido in sede di riscossione Rispondi
  5. Rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale in caso di diverso apprezzamento delle dichiarazioni del perito Rispondi
  6. Responsabilità dell’hosting provider che non abbia provveduto alla immediata rimozione dei contenuti illeciti Rispondi
  7. Consorzio fittizio di imprese e confisca di prevenzione Rispondi
  8. Assoggettabilità a revisione della sentenza di estinzione del reato per prescrizione Rispondi
  9. Libertà controllata: non è possibile applicare la disciplina della liberazione anticipata Rispondi