La dichiarazione di addebito rende inefficaci gli accordi patrimoniali precedentemente intercorsi tra i coniugi

Per quanto riguarda gli accordi patrimoniali tra i coniugi, “la dichiarazione di addebito e le conseguenze patrimoniali ad esse ex lege riconducibili (articolo 156, primo e terzo comma Cc) inducono ad escluderne radicalmente la vincolatività”.

Corte di cassazione – Sezione I civile – sentenza 8 maggio 2031 n. 10718

Continua a leggere

L’addebito scatta per il comportamento negativo del coniuge anche dopo l’effettiva instaurazione del contraddittorio

L'”imposizione unilaterale di una condizione di lontananza dell’altro genitore dai figli minori, iniziata prima della notifica del ricorso separativo e protrattasi anche dopo tale adempimento processuale è ampiamente valutabile ai fini dell’addebito, anche dopo l’effettiva instaurazione del contraddittorio in quanto [OMISSIS] anche il comportamento tenuto dal coniuge successivamente al venir meno della convivenza, ma in tempi immediatamente prossimi a detta cessazione può rilevare ai finì della dichiarazione di addebito della separazione allorché costituisca una conferma del passato e concorre ad illuminare sulla condotta pregressa”.

Corte di cassazione – Sezione I civile – sentenza 8 maggio 2031 n. 10719

Continua a leggere

L’amore platonico su internet non porta all’addebito della separazione

L’amore “si era rivelato platonico, essenzialmente concretatosi in contatti telefonici o via internet, data anche la notevole distanza tra i luoghi di rispettiva residenza, e non connotato da reciproco coinvolgimento sentimentale, con condivisione e ricambio di lei dell’eventuale infatuazione di lui”.

Corte di cassazione – Sezione I civile – Sentenza 12 aprile 2013 n. 8929 Continua a leggere