Requisito della forma scritta ad substantiam per i contratti stipulati dalle aziende speciali partecipate dallo Stato

La Sez. 3 ha trasmesso gli atti al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sez. U della questione, ritenuta di massima di particolare importanza, se per i contratti stipulati dalle aziende speciali partecipate dallo Stato, o dagli enti pubblici, sia o meno prescritto il requisito della forma scritta ad substantiam.

Cass. Penale Ordinanza interlocutoria n. 3566 del 14/02/2018  

Continua a leggere

Annunci

Obbligo di notifica, alla persona offesa o al suo difensore, dell’istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare

La Terza Sezione, pronunciando in tema di obbligo di notifica, alla persona offesa o al suo difensore, dell’istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare ai sensi dell’art. 299, comma 2-bis, cod. proc. pen., ha ritenuto che detto obbligo sussista anche in relazione al reato di atti sessuali con minorenne, previsto dall’art. 609-quater cod. pen., giacché l’irrilevanza del consenso della vittima ai fini della configurabilità di detto reato ne determina la sussumibilità nel novero di quelli commessi con violenza alla persona.

Cass. Penale sentenza n. 5832 ud. 18/10/2017 – deposito del 08/02/2018

 

Nomina di un difensore di fiducia effettuata da un amministratore di sostegno

In tema di difesa fiduciaria, la Terza Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che, qualora l’indagato (o l’imputato) sia assistito da un amministratore di sostegno, la nomina di un difensore di fiducia effettuata da quest’ultimo, a ciò espressamente autorizzato dal giudice tutelare, non determina alcuna violazione del diritto di difesa, in relazione agli artt. 96 cod. proc. pen., 24 Cost., 6, par. 3, lett. c), C.E.D.U. e 14, par. 2, lett. d), Patto internazionale per i diritti civili e politici.

Cass. Penale sentenza n. 3659 ud. 14/11/2017 – deposito del 25/01/2018

 

Decorrenza prescrizione del diritto leso dalla detenzione inumana e degradante

Le Sezioni Unite della Corte di cassazione hanno affermato i seguenti principi:

-la prescrizione del diritto leso dalla detenzione inumana e degradante, azionabile dal detenuto ai sensi dell’art.35-ter, commi 1 e 2, l.n.354 del 1975, per i pregiudizi subiti anteriormente all’entrata in vigore del decreto legge n.92 del 2014, decorre dal 28 giugno 2014;

-il reclamo-impugnazione di cui all’ar.35-bis, comma 4, l.n.354 del 1975, può essere proposto dall’Amministrazione penitenziaria senza il patrocinio e l’assistenza dell’Avvocatura dello Stato;

-il Ministero della giustizia, ricorrente avverso il provvedimento del Tribunale di sorveglianza emesso ai sensi degli artt.35-bis e 35-ter, l.n.354 del 1975, non deve essere condannato al pagamento delle spese processuali e al pagamento di una somma in favore della cassa delle ammende, nel caso di rigetto od inammissibilità del ricorso, ai sensi dell’art.616, cod.proc.pen.

Cass. Pen. SS.UU. sentenza n. 3775 ud. 21/12/2017 – deposito del 26/01/2018 

 

Quanto vale la tua auto?

Conseguenze regolamento di competenza d’ufficio se competenza sulla causa sia regolata solo per valore

Il regolamento di competenza d’ufficio è inammissibile qualora il giudice adito in riassunzione neghi li essere competente per materia e ritenga che la competenza sulla causa sia regolata solo per valore, poiché in detto caso l’eventuale decisione di accoglimento del regolamento da parte della S.C., in quanto necessariamente contenente – in forza dell’art. 49, comma 2, c.p.c. – l’individuazione del giudice competente per valore, non essendovi alcun giudice competente per materia, sostanzialmente produrrebbe il medesimo effetto di un regolamento di competenza d’ufficio per valore, che l’art. 45 c.p.c. non prevede per insindacabile scelta di merito legislativo.

Cass. Civ. SS.UU. sentenza n. 1202 del 18/01/2018 

QUOTAauto -Valuta la tua auto gratis

Contestazione tardiva e licenziamento disciplinare

La dichiarazione giudiziale di risoluzione del licenziamento disciplinare conseguente ad un ritardo notevole ed ingiustificato della contestazione disciplinare, ricadente ratione temporis nella disciplina dell’art. 18 st.lav., come modificato dall’art. 1, comma 42, della l. n. 92 del 2012, comporta l’applicazione della sanzione dell’indennità come prevista dal quinto comma dello stesso art. 18 st.lav.

Cass. Civ.. SS.UU. sentenza n. 30985 del 27/12/2017

Misure di prevenzione personali, associazione di tipo mafioso e necessaria “attualità” della pericolosità del proposto

In tema di misure di prevenzione, le Sezioni uniti penali della Corte di cassazione hanno affermato il seguente principio di diritto: “Nel procedimento applicativo delle misure di prevenzione personali agli indiziati di “appartenere” ad un’associazione di tipo mafioso, è necessario accertare il requisito della “attualità” della pericolosità del proposto”.

Cass. Penale sentenza n. 111 ud. 30/11/2017 – deposito del 04/01/2018

Conseguenze notificazione della citazione a giudizio mediante consegna al difensore di fiducia

Le Sezioni Unite Penali della Corte di cassazione hanno affermato che la notificazione della citazione a giudizio mediante consegna al difensore di fiducia anziché presso il domicilio dichiarato o eletto, determina una nullità a regime intermedio, che non è sanata dalla mancata allegazione da parte del difensore di circostanze impeditive della conoscenza dell’atto da parte dell’imputato.

Cass. Pen. SS.UU. sentenza n. 58120 ud. 22/06/2017 – deposito del 29/12/2017 

Il tentativo del delitto di istigazione al suicidio

La Quinta Sezione della Corte di cassazione ha affermato che non è configurabile il tentativo del delitto di istigazione al suicidio nel caso di invio di messaggi telefonici ad un minore nell’ambito del gioco noto come “Blue Whale Challenge”, pur se contenenti l’invito a compiere atti potenzialmente pregiudizievoli.

Cass. Penale sentenza n. 57503 ud. 23/11/2017 – deposito del 22/12/2017

Nullità di contratti o negozi che costituiscano l’applicazione di intese illecite

In tema di intese anticoncorrenziali vietate dall’art. 2 della l. n. 287 del 1990, la stipulazione “a valle” di contratti o negozi che costituiscano l’applicazione di intese illecite concluse “a monte” comprende anche i contratti stipulati anteriormente all’accertamento dell’intesa da parte dell’Autorità indipendente preposta alla regolazione o al controllo del mercato, a condizione che l’intesa sia stata posta in essere materialmente prima del negozio denunciato come nullo, considerato anche che rientrano sotto la disciplina anticoncorrenziale tutte le vicende successive del rapporto che costituiscano la realizzazione di profili distorsivi della concorrenza.

Cass. Civile ordinanza n. 29810 del 12/12/2017