Cessione di un credito ipotecario e buona fede

In tema di misure di prevenzione patrimoniali, le Sezioni unite della Corte di cassazione hanno affermato che nel caso in cui la cessione di un credito ipotecario, precedentemente insorto, avvenga successivamente alla trascrizione del provvedimento di sequestro o di confisca di prevenzione del bene sottoposto a garanzia, tale circostanza non è in quanto tale preclusiva dell’ammissibilità della ragione creditoria, né determina di per sé uno stato di mala fede in capo al terzo cessionario del credito, potendo quest’ultimo dimostrare la buona fede.

Cass. Penale SS.UU. sentenza n. 29847 ud. 31/05/2018 – deposito del 03/07/2018

Preparati all’orale con noi!

Annunci

Onere di comunicare tempestivamente rinuncia all’impugnazione alla parte civile

La Quinta Sezione penale della Corte di cassazione ha affermato che, pur non essendo previsto l’obbligo dell’imputato di notificare la rinuncia all’impugnazione alla parte civile, è comunque suo onere comunicare tempestivamente a questa tale volontà, allo scopo di impedire l’espletamento dell’attività defensionale, normalmente compiuta a seguito della notifica del ricorso, i cui costi devono altrimenti essere rimborsati anche nel caso di rinuncia alla impugnazione.

Cass. Penale sentenza n. 29472 ud. 07/05/2018 – deposito del 27/06/2018

Quanto vale la tua auto?

Esiti aggiornati esami avvocato 2017 – 2018

Stai cercando informazioni sull’esito delle prove scritte esame avvocato? Sei nel posto giusto. Quì di seguito troverai i migliori collegamenti ai siti web aggiornati in tempo reale sui risultati. buona consultazione!

ACCADEMIALEXIURIS.it

ALTALEX.it

MININTERNO.net  (forum)

MONEY.it

Per i candidati:

Area personale Ministero Giustizia

 

Pronti per l’orale?

Sospensione dall’esercizio della professione medica applicata in relazione ad un reato di omicidio colposo per pericolo reiterazione

La Quarta Sezione della Corte di Cassazione, pronunciandosi in tema di sospensione dall’esercizio della professione medica applicata in relazione ad un reato di omicidio colposo, ha affermato che è possibile formulare la prognosi di reiterazione della condotta criminosa in considerazione delle caratteristiche della struttura in cui opera il sanitario e della condotta tenuta nel caso concreto, nella specie consistita nella pervicace prescrizione di terapia omeopatica, in assenza di significativi miglioramenti delle condizioni del paziente, poi deceduto, e nonostante l’inutile decorrenza del periodo di cinque giorni indicato dai protocolli medici per il passaggio alla terapia tradizionale.

Cass. Penalesentenza n. 27420 ud. 03/05/2018 – deposito del 14/06/2018 

Quanto vale la tua auto?

Sospensione dall’esercizio della professione medica applicata in relazione ad un reato di omicidio colposo

La Quarta Sezione della Corte di Cassazione, pronunciandosi in tema di sospensione dall’esercizio della professione medica applicata in relazione ad un reato di omicidio colposo, ha affermato che è possibile formulare la prognosi di reiterazione della condotta criminosa in considerazione delle caratteristiche della struttura in cui opera il sanitario e della condotta tenuta nel caso concreto, nella specie consistita nella pervicace prescrizione di terapia omeopatica, in assenza di significativi miglioramenti delle condizioni del paziente, poi deceduto, e nonostante l’inutile decorrenza del periodo di cinque giorni indicato dai protocolli medici per il passaggio alla terapia tradizionale.

Cass. Pen. sentenza n. 27420 ud. 03/05/2018 – deposito del 14/06/2018 

 

 

Detraibilità dell’indennità da assicurazione contro i danni

II danno da fatto illecito deve essere liquidato sottraendo dall’ammontare del danno risarcibile l’importo dell’indennità assicurativa derivante da assicurazione contro i danni che il danneggiato-assicurato abbia riscosso in conseguenza di quel fatto.

Cass. Civile sentenza n. 12565 del 22/05/2018 

Prepariamoci all’esame orale

Sindaco costretto ad abbandonare la carica per condotta altrui connotata da violenza, minaccia o inganno

La Prima Sezione penale della Corte di cassazione ha affermato che la protezione assicurata dall’art. 294 cod. pen. ai diritti politici del cittadino ed, in particolare, al diritto di elettorato passivo non si esaurisce con la partecipazione all’elezione, ma si estende all’effettivo mantenimento della carica alla quale il cittadino è stato eletto. Pertanto, integra il delitto in esame la condotta connotata da violenza, minaccia o inganno che, intervenendo successivamente alla fase di accesso alla pubblica funzione, determini la persona eletta ad abbandonare la carica conseguita, in tal modo impedendo il compiuto esercizio del diritto politico.

Cass. Penale sentenza n. 20755 ud. 27/10/2017 – deposito del 10/05/2018

Quanto vale la tua auto?

Prescrizione risarcimento detenzione in condizioni non conformi ai criteri CEDU

II diritto ad una somma di denaro pari a otto euro per ciascuna giornata di detenzione in condizioni non conformi ai criteri di cui all’art. 3 della CEDU, previsto dall’art. 35 ter, comma 3, ord. pen., si prescrive in dieci anni, decorrenti dal compimento di ciascun giorno di detenzione nelle indicate condizioni. Coloro che abbiano cessato di espiare la pena detentiva prima dell’entrata in vigore della detta nuova normativa, se non sono incorsi nelle decadenze previste dall’art. 2 d.l. n. 92 del 2014 conv. con modif. in l. n. 117 del 2014, hanno anch’essi diritto all’indennizzo ex art. 35 ter, comma 3, ord. pen., il cui termine di prescrizione in questa caso non opera prima del 28 giugno 2014, data di entrata in vigore del d.l. cit.

Cass. Civile SS.UU. Sentenza n. 11018 del 08/05/2018

Quiz per giuristi

Il Tribunale del riesame può integrare la motivazione mancante delle ordinanze cautelari personali

La Terza Sezione della Corte di Cassazione, in tema di riesame delle ordinanze cautelari personali, ha affermato che – nel caso in cui l’ordinanza genetica contenga la motivazione sulle esigenze cautelari di cui all’art.274 cod. proc. pen., ma non quella in ordine allo specifico requisito delle esigenze cautelari di eccezionale rilevanza previsto dall’art.275, comma 4 cod. proc. pen. – il Tribunale del riesame, anche alla luce della nuova formulazione dell’art.309, comma 9 cod. proc. pen., può integrare la motivazione mancante; la Suprema Corte ha precisato che trattasi di ipotesi di motivazione insufficiente, che non incide sull’an della cautela ma solo sulla scelta della misura e, in relazione alla quale, non è inibito l’intervento integrativo del giudice del riesame.

Cass. Pen. Sentenza n. 19700 ud. 06/02/2018 – deposito del 07/05/2018 

Quanto vale la mia auto?